Ogni tribù del mondo

Ho appena finito di leggere un libro appassionante, coinvolgente e stimolante. Uno di quelli che ti porta ad allargare lo sguardo, la mente e il cuore.

Neurotribù non ripercorre solo la storia dello spettro autistico, ma racconta con passione quanto e come si può e si deve fare per conoscere e far conoscere in quanti modi siamo umani.

Pagina dopo pagina si viene invitati ad abitare un mondo al quale si pensava di non appartenere e che invece è qui ogni giorno, nelle comodità della nostra vita create grazie a chi le ha sapute pensare e realizzare. Scopriamo quante persone in grado di ideare, inventare, progettare, costruire un mondo migliore appartengono a quel modo di essere nel mondo che chiamiamo Sindrome di Asperger.

Steve Silberman ci porta dentro la vita dei genitori di bambini autistici e in quella di adulti autistici, alcuni con difficoltà evidenti, altri percepiti come strani, isolati, particolari. Persone che senza una diagnosi rimangono orfane di un’identità e sono costrette a ritagliarsene una fittizia per poter stare nel mondo. Persone non viste per quelle che sono che si vedono etichettate con le più disparate diagnosi.

Dell’oblio che avvolge in particolare gli adulti Asperger siamo corresponsabili come professionisti. Leggendo questo e altri libri sulla Sindrome di Asperger non posso non pensare che questa condizione privi di molte certezze psicologi e psichiatri. Le teorie e i modelli che dovrebbero spiegare i comportamenti umani non rendono conto di tutto e incastrare una persona dentro le nostre certezze genera ancora più dolore di quello che siamo chiamati ad alleviare. Studiamo l’autismo “classico”, quello che si presenta con evidenti deficit, ma poco o niente ci viene detto dell’autismo ad alto funzionamento e come riconoscerlo negli adulti.

Siamo tutti chiamati a lasciare alcune certezze e rivedere i nostri pre-giudizi . Leggendo Neurotribù  si impara da chi ha combattuto e combatte battaglie quotidiane per vedersi riconosciuti nella propria specificità cosa possiamo fare per unirci a loro nella costruzione di una società aperta a vedere chiunque come una risorsa e un compagno di viaggio.

Per approfondimenti sulla Sindrome di Asperger http://www.spazioasperger.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *